Questo sito utilizza cookie tecnici o assimilati, per rendere più agevole la navigazione e garantire la funzione dei servizi. Per approfondire, leggi la Privacy Policy.

 

 


Parrocchia di S. Colombano Abate in località Vignale

Il Comune ha un territorio geografico molto vasto, il più esteso della val Fontanabuona (Comunità montana di cui fa parte con altri 16 comuni), compreso tra il passo dell'Anchetta e il monte Ramaceto (1345 m); nel territorio è compresa anche la val Cichero la quale separa il Comune dalla valle Sturla.

L'orografia del territorio comprende zone di fondovalle, dove si coltiva la vite grazie alla presenza di abbondante acqua, e zone montane come le pendici del monte Ramaceto, il più elevato dell'intera valle fontanina.

Nel 1171 divenne feudo dei conti di Lavagna, i Fieschi, e ben presto giurò fedeltà alla Repubblica di Genova. Gravi scontri si ebbero nelle sue terre tra il XIV e il XV secolo a causa tra le diverse fazioni nobiliari dei Fieschi, dei Malaspina e della stessa Repubblica. Nel corso del 1672 la famiglia Savoia tentò di far insorgere la popolazione dell'odierna località di Càlvari contro la repubblica genovese per poter così ottenere l'annessione del territorio al Piemonte; Genova punirà i colpevoli della vicenda, ricordata dagli storici locali come la Congiura dei Torre, con l'impiccagione.

Durante la dominazione francese di Napoleone Bonaparte le varie parrocchie paesane vennero costituite in piccoli comuni, formanti oggi il vasto comune di San Colombano Certenoli, ma già nel 1799 la popolazione tramite un'insurrezione popolare riuscì a scacciare presidi francesi in val Fontanabuona.

 Nel 1815 verrà inglobato nel Regno di Sardegna, così come stabilirà il Congresso di Vienna del 1814 anche per gli altri comuni della Repubblica Ligure, e successivamente nel Regno d'Italia dal 1861. Assunse il definitivo nome di San Colombano Certenoli a partire dal 1863 dopo diversi anni per arrivare ad un accordo tra le nove frazioni comunali. Si scelse di aggiungere la denominazione Certenoli poiché quest'ultima, conosciuta in epoca romana con la denominazione di Certinulus, è la frazione più estesa del Comune.

San Colombano Certenoli è tra le Città decorate al Valor Militare per la Guerra di Liberazione perché è stato insignito della Croce di Guerra al Valor Militare per i sacrifici delle sue popolazioni e per la sua attività nella lotta partigiana durante la Seconda guerra mondiale.

La Chiesa di San Colombano, in località San Colombano di Vignale, fu elevata a prevostura da monsignor Amedeo Casabona il 18 settembre del 1920 e consacrata nel 1992 da monsignor Daniele Ferrari. Conserva un gruppo ligneo dello scultore Anton Maria Maragliano raffigurante la Madonna col Bambino. 

 

Cerca



Regione Liguria
Provincia: Genova
Comune: San Colombano Certenoli
Superficie: Km41,3
N° Abitanti: 2.625
Nome degli abitanti: Sancolombanesi

 

Associazione Amici di San Colombano per l'Europa - Via Ottavio Steffenini, 207 - 20078 San Colombano Al Lambro (MI) - C.F. 97481110159 - Privacy Policy